Sii un miglior capo entro venerdi Sii un miglior capo entro venerdi
08.07.2014

Questi 3 esercizi ti aiuteranno ad accelerare un cambiamento positivo nel tuo business e nelle tue interazioni con il tuo team.


Nel 1839, Charles Goodyear riuscì finalmente a immaginarsi cosa mancava nei suoi tentativi di rendere la gomma – che all’epoca era utile poco più di un fermaporta – una sostanza altamente funzionale. Il calore, sotto forma di vapore, divenne l’acceleratore per Goodyear. Comunemente usati dagli scienziati per accelerare le reazioni chimiche, gli “acceleratori” possono agire nello stesso modo anche nel business, “scaldando le cose” e facendo lavorare meglio un’azienda, più velocemente e in modo più armonioso.


Mentre ci sono innumerevoli acceleratori che possono essere usati per differenti business, qui ne presento 3 che hanno aiutato il raggiungimento del cambiamento per alcune importanti aziende e leader. Questi rappresentano solo un punto di partenza, ma fate un tentativo e vedete cosa succede.


Dedica 90 secondi per dire grazie

Questa settimana, quando uno dei tuoi fa qualcosa di eccellente, afferra un biglietto di ringraziamento e con una penna scrivi a mano un grazie “in vecchio stile” (le e-mail non contano). Segui i seguenti passaggi:

•   Ringrazia la persona nello specifico per quello che lei ha fatto che tu hai apprezzato: Sue, grazie per aver risposto al telefono per me questa mattina.

•   Spiega nel dettaglio in che modo questo ti è stato di aiuto: Avremmo perso la chiamata di Cheryl della VitalTech e in quel caso credo che lei avrebbe fatto il suo ordine altrove.

•   Dille perché questo è importante: Questo è ciò con cui il vero lavoro di gruppo ha a che fare. Noi ci copriamo a vicenda. Se la nostra azienda fosse piena di Sue, i concorrenti non avrebbero nessuna possibilità.

Tu dovresti mandare almeno 3 biglietti al giorno ogni giorno di questa settimana.


Poni 4 buone domande

Nel suo libro “Trasmettere l’Eccellenza”, Quint Studer fornisce 4 ottime domande a proposito del coinvolgimento. Questa settimana, prenditi pochi minuti per chiedere a ciascuno del tuo team le seguenti domande.

•   "Ci stiamo rivelando all’altezza delle promesse che ti abbiamo fatto?"

•   "Cosa credi che facciamo meglio qui?"

•   "C’è qualcosa che hai visto fare in altri luoghi dove hai lavorato che forse potremmo usare qui per rendere la nostra azienda migliore?"

•   "Abbiamo fatto qualcosa che potrebbe spingerti a lasciarci?"

Quando domandi queste cose, ascolta, prendi nota e prometti che ci sarà un seguito. Anche se potresti essere tentato, per favore evita di mettere in discussione i punti di vista dei tuoi dipendenti.


Divertiti

Un numero sempre maggiore di ricerche supporta la convinzione secondo cui prendersi meno sul serio può aumentare la produttività del team, portare una riduzione dell’uso dei giorni di malattia da parte dei dipendenti e innalzare il morale. Ovvio, no?

Chi non vorrebbe lavorare per un capo che incoraggia un po’ di leggerezza di tanto in tanto piuttosto che per qualcuno che pensa che il divertimento sia rimboccarsi le maniche alle 5 del pomeriggio di venerdì (“Cosa potrebbe avere a che fare l’allegria con il salvare il mondo, che è ciò di cui ci occupiamo qui alla Acme Rivet and Bolt?”).

Questa settimana, alleggerisci l’atmosfera di proposito. Organizzate un pranzo in cui ognuno porta qualcosa, porta il team all’aperto e lanciate un frisbee, guardate un film divertente tutti insieme, fate un gioco, sfidatevi in una gara – semplicemente fate qualcosa di divertente e lasciatevi andare tutti insieme. Il risultato sarà un team che è più entusiasta e coinvolto.

 



Autore: Chester Elton - Scrittore, esperto di motivazione, consulente per la gestione del coinvolgimento dei dipendenti
Fonte: www.theartof.com